I foreign fighters tornano a casa. Come ci difendiamo dal terrorismo

Come combattere il terrorismo jihadista in rotta sui fronti di Mosul e Raqqa? I Balcani sono un centro di reclutamento e di possibile riorganizzazione dell’Isis a pochi passi da casa nostra. L’Italia si difende dal ritorno dei foreign fighters non soltanto con l’intelligence, le forze armate e le forze dell’ordine, ma anche cercando di andare alla radice dei problemi. Ettore Guastalla

Una foto contro l’orrore dell’Isis

Nell’Agosto del 2014 l’Isis entrò nella città del Kurdistan iracheno Sinjar, massacrando senza pietà la popolazione Yazida che fuggì in massa verso le zone controllate dai Peshmerga. Una mostra fotografica al Maxxi di Roma, patrocinata dal Ministero della Difesa, espone le foto delle giovani yazide sfuggite alle persecuzioni del califfato nero. Ettore Guastalla

Afghanistan.
Ritorno nelle basi avanzate

Anche gli Italiani si stanno preparando

Le truppe della Nato sono in procinto di  tornare in alcune basi avanzate dell’esercito afghano per supportarlo nella pianificazione e gestione dei combattimenti contro i talebani. Una decisione presa quest’estate al vertice di Varsavia.

Una scelta che rivela quanto ancora sia precaria la situazione sul terreno e quanto ancora gli Afghhani abbiano bisogno del  sostegno Nato di fronte alla minaccia degli insorti, che, a 15 anni di distanza dall’inizio della guerra, controllano ancora una parte del paese e sono ancora in grado di minacciare il futuro dell’Afghanistan. Il nostro inviato, Ettore Guastalla, è andato in Afghanistan per documentare i preparativi di questa nuova fase.

Quella dell’Afghanistan ormai è sempre più una guerra dimenticata: la prima parte del reportage di Ettore Guastalla

Mare sicuro, La Marina Militare italiana presidia il Mediterraneo



Il Mar Mediterraneo meridionale è oggi uno dei luoghi più instabili del mondo. In questo tratto di mare, cruciale per la nostra sicurezza, si sviluppano giganteschi traffici merci e passeggeri. L’esercitazione Mare Aperto, che ha coinvolto Marina Militare, Aeronautica ed Esercito per due settimane, ha simulato nel Mediterraneo scenari di crisi: dalla protezione dei nostri connazionali tenuti come ostaggi in una paese rivierasco ostile al controllo di navi sospette, alla protezione delle piattaforme petrolifere. Ettore Guastalla si è imbarcato ed ha seguito dal vivo le manovre

Rainews reportage – Afghanistan, la guerra dimenticata



In Afghanistan si combatte ancora, anzi, nell’ultimo periodo si assiste ad una recrudescenza dei combattimenti con migliaia di morti. Anche nella zona controllata dagli Italiani, più tranquilla di altre, si combatte. L’inviato di Rainews Ettore Guastalla ci racconta di due sanguinose battaglie combattute dall’esercito afghano ma con l’assistenza e la guida delle nostre forze speciali.